lunedì, Dicembre 6, 2021
7.8 C
Roma
spot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
HomeGreenbuildSmart Forest City Cancun, la città foresta in Messico

Smart Forest City Cancun, la città foresta in Messico

Dopo il successo del Bosco Verticale a Milano, eletto il miglior edificio del mondo nel 2015 dal Council on tall buildings and urban habitat (Ctbuh), il progetto Liuzhou Forest City in Cina che verrà realizzato quest’anno, lo studio Stefano Boeri Architetti ha presentato il masterplan “Smart Forest City Cancun” in Messico

Siamo di fronte ad una nuova generazione di architetture e insediamenti urbani che sfidano i cambiamenti climatici proponendoli come modelli per il futuro del Pianeta.

La forestazione urbana per la tutela della biodiversità nelle grandi città. Tre gli aspetti fondamentali della sua progettazione:

  • evitare la cementificazione sfrenata, bloccando quindi l’allargamento delle città e confinandole invece con dei boschi
  • salvaguardare i boschi e la biodiversità all’interno delle città per ridurre l’inquinamento e le polveri sottili
  • integrare sempre di più la natura nell’architettura come sua componente essenziale.
Smart Forest City Cancun, la città foresta in Messico
Credit-courtesy-of-Stefano-Boeri-Architetti

Il manifesto Urban Forestry

Noi, progettisti del primo Bosco Verticale a Milano, invitiamo:

  • architetti, urbanisti, botanici, agronomi, forestali, arboricoltori, paesaggisti, geografi, etologi, studiosi del paesaggio, tecnici, ricercatori ed esperti in cura del verde e forestazione urbana, operatori immobiliari, amministratori e rappresentanti delle istituzioni locali e della società civile, membri e rappresentanti di organizzazioni internazionali, di agenzie di finanziamento, di università e enti di ricerca e ONG a considerare che: https://www.stefanoboeriarchitetti.net/urban-forestry/)

Il progetto“Smart Forest City Cancun”

Smart City, nell’uso quotidiano, include termini come “città digitale” o “città connesse”. Le città intelligenti come termine tecnologico applicato si riferiscono spesso a reti intelligenti, contatori intelligenti e altre infrastrutture per l’elettricità, l’approvvigionamento idrico.  Una gestione intelligente e innovativa delle risorse economiche ambientali, infatti le smart city puntano su uno sviluppo urbanistico eco-sostenibile, utilizzando la tecnologia per ridurre l’inquinamento o per generare energia alternativa.

Il progetto dello studio Stefano Boeri Architetti è la pianificazione urbana di una nuova Città Foresta in Messico, realizzato in collaborazione con Grupo Karim’s, società nel settore immobiliare. Verrà realizzato in un’area a sud della città messicana di Cancun precedentemente destinata ad ospitare un centro commerciale.

Sorgerà su un’area di 557 ettari, con 7,5 milioni di piante appartenenti ad oltre 400 specie diverse, di cui 260mila alberi (circa 2,3 alberi per abitante) e ospiterà 130 mila abitanti. Il resto sarà composto da arbusti e cespugli, parchi pubblici, giardini privati, tetti e facciate verdi scelti e progettati dall’architetta paesaggista Laura Gatti.

Smart Forest City Cancun, la città foresta in Messico
Credit-courtesy-of-Stefano-Boeri-Architetti

Pensata come un campus

La Smart Forest City è concepita come un campus, dove si insedieranno dipartimenti universitari, organizzazioni e aziende che si stanno occupando dei grandi temi della sostenibilità ambientale e del futuro del Pianeta. Al suo interno sono previsti alcuni centri di ricerca e sviluppo per ospitare studenti e ricercatori provenienti dalle università messicane e dalle accademie più qualificate del mondo.

Il contributo dello studio tedesco Transsolar permette al progetto della Smart Forest City Cancun di essere autosufficiente dal punto di vista energetico. La città è alimentata in modo sostenibile mediante un anello perimetrale di pannelli fotovoltaici e un canale di acqua collegato con un impianto ipogeo al mare. Un esempio di economia circolare intorno al tema dell’utilizzo dell’acqua, elemento chiave del progetto.

All’avanguardia anche dal punto di vista della mobilità: MIC (Mobility in Chain) ha progettato un complesso sistema di trasporto che permette sia ai residenti che ai visitatori di lasciare ai bordi della città ogni veicolo a combustione, a favore di una mobilità esclusivamente elettrica e semiautomatica.

Città e verde insieme per un’architettura ecosostenibile. Immaginiamo un modo nuovo di integrare gli alberi anche dal punto di vista sociale e culturale per città più sicure, piacevoli e salubri.

Articolo curato dalla redazione e realizzato con il contributo di Manola Testai

Smart Forest City Cancun, la città foresta in Messico
Credit-courtesy-of-Stefano-Boeri-Architetti

Fonte: Studio Boeri Architetti

Images: The Big Picture Federico Biancullo

Leggi anche

 

spot_img

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

spot_img
- Advertisment -spot_img
- Advertisment -spot_img

I PIù LETTI