Stagionali agricoli cercasi con Agrijob

Una piattaforma pensata da Confagricoltura per far incontrare domanda e offerta di lavoro in ambito agricolo. In piena emergenza Covid-19 ed in piena stagione di raccolti, la mancanza di manodopera straniera impone nuove soluzioni per evitare una crisi dell’intero comparto, diventando un'opportunità per chi il lavoro non ce l'ha

0

Per l’agricoltura l’esplosione della pandemia non poteva arrivare in un momento più critico. Siamo infatti prossimi alla maturazione dei frutti e di conseguenza alla loro raccolta e le aziende agricole si trovano costrette a dover fare a meno della consueta manodopera.

Stagionali agricoli cercasi con Agrijob

In Italia si stima che il numero di lavoratori stagionali stranieri impiegati ogni anno sia di circa 370mila, in maggioranza rumeni, ma anche marocchini, indiani e senegalesi. La chiusura delle frontiere, anche all’interno dell’UE, per contenere l’emergenza Covid-19, ostacola gli abituali spostamenti delle persone. Così, si stima che circa un milione di lavoratori stranieri provenienti dall’Est Europa e dell’Africa per rispondere alla domanda di manodopera agricola nelle prossime settimane e forse mesi non avranno la possibilità di arrivare.

L’idea di Agrijob

Ma è necessario evitare la catastrofe di mancati raccolti che metterebbero in ginocchio l’intero comparto. Per cercare dunque una soluzione immediata all’emergenza manodopera nelle campagne, Confagricoltura si è attivata per fare incontrare domanda e offerta di lavoro attraverso AgriJob, una piattaforma che facilita l’incontro tra aziende agricole e lavoratori.

In queste settimane Confagricoltura ha richiamato l’attenzione sulla questione manodopera con l’espandersi dell’epidemia Coronavirus, proponendo alcune soluzioni per evitare di compromettere i raccolti: sono pervenute centinaia di segnalazioni da tutta Italia di persone disponibili a lavorare per la raccolta delle primizie. Di qui l’attivazione della piattaforma online.

Stagionali agricoli cercasi con Agrijob

Come si incontrano domanda e offerta

Si tratta di un servizio di intermediazione, riconosciuto dal Ministero del Lavoro, che consente a chi cerca occupazione di essere messo in contatto direttamente con le aziende della propria provincia, e alle imprese di intercettare velocemente i candidati.

Il funzionamento è semplice: il lavoratore compila il modulo che trova cliccando sul banner dedicato in homepage sul sito confederale www.confagricoltura.it, indicando la provincia di interesse; la sua candidatura viene smistata automaticamente alla sede territoriale di Confagricoltura, che la prende in carico e la segnala all’azienda che cerca manodopera.

Anche le imprese possono usare la piattaforma, pubblicando le offerte di lavoro, per essere così intercettate dai candidati del proprio territorio.

Stagionali agricoli cercasi con Agrijob

Con AgriJob Confagricoltura intende fornire una prima risposta utile in un momento cruciale per le attività agricole. “Rimane l’urgenza di trovare una soluzione normativa alla questione manodopera – afferma il presidente Massimiliano Giansanti – Bene quindi l’iniziativa della ministra Bellanova per trovare un ‘corridoio’ con la Romania che favorisca il reclutamento di manodopera già specializzata, ma bisogna accelerare”.

Sul fronte interno, Confagricoltura ha sollecitato l’introduzione di uno strumento normativo agile e immediato per impiegare, esclusivamente in questa fase emergenziale, le persone inoccupate o che percepiscono sussidi, senza far perdere loro tali diritti, inquadrandole nell’ambito del contratto collettivo nazionale di lavoro.

 

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News


Lascia una risposta