martedì, Luglio 5, 2022
34.5 C
Roma
spot_imgspot_imgspot_img
spot_imgspot_imgspot_imgspot_img
HomeAltroSocialeSuperTeleDottore, la telemedicina sui binari della solidarietà

SuperTeleDottore, la telemedicina sui binari della solidarietà

Una visione nuova dell’aiuto alle persone più vulnerabili con un approccio integrato per un percorso di superamento di ogni fragilità.

SuperTeleDottore: un progetto al servizio di persone fragili, senza dimora e migranti

Dai videoconsulti medico specialistici al supporto psicologico fino alla corretta informazione sulla salute. Prende il via SuperTeleDottore, il progetto che mira a rispondere al crescente bisogno di sostegno socio-sanitario delle fasce più fragili della popolazione, ideato e realizzato da iDoctors, il primo servizio in Italia per la prenotazione online di visite specialistiche ed esami diagnostici online dal 2008, e Binario 95, il polo sociale di accoglienza, orientamento ed inclusione sociale per persone senza dimora, sito alla stazione di Roma Termini.

La pandemia di Covid-19 ha esacerbato ancor di più le disuguaglianze sociali e sanitarie sviluppando nuove fragilità tra differenti fasce della popolazione. Da qui la necessità di intervenire nel tentativo di offrire un aiuto concreto alle persone con maggiori vulnerabilità e fornire una risposta ai loro bisogni.

SuperTeledottore, superare le fragilità sia dal punto di vista sanitario che sociale. Un aiuto anche per le donne ucraine in fuga dalla guerra

SuperTeleDottore si affianca al percorso offerto, ormai da due anni, dal progetto realizzato dall’Istituto IFO-San Gallicano e Binario 95, che vede una presa in carico sanitaria delle persone più fragili, attraverso percorsi preferenziali per effettuare tamponi, vaccini e visite dermatologiche.

Un tassello in più che si aggiunge a questa importante esperienza: grazie alla nuova iniziativa messa in campo da iDoctors e Binario 95 sarà infatti possibile, per le persone più vulnerabili, avere accesso gratuito a videoconsulti di medicina primaria e specialistica. Un servizio questo rivolto, con l’aiuto di una mediazione linguistica, anche alle donne ucraine in fuga dalla guerra, che Binario 95 ospita a Casa Sabotino, la struttura di accoglienza del Municipio I Roma Centro.

Una visione nuova dell’aiuto alle persone più vulnerabili con un approccio integrato che tenga in considerazione la persona a 360°, accompagnandola in un percorso di superamento dello stato di fragilità sia da un punto di vista sanitario che sociale.

Un ponte telematico tra la strada e la medicina specializzata

L’idea del SuperTeleDottore vuole rappresentare un ponte telematico ma concreto, tra la realtà di chi vive in strada e la medicina specializzata. Un’ulteriore mano sanitaria che si tende per favorire l’aggancio, l’ascolto e poi, grazie al supporto degli operatori dei centri di accoglienza coinvolti nel progetto, la presa in carico della salute delle persone più deboli ed emarginate della nostra società.

La condivisione oggi è considerata valoriale e al tempo stesso funzionale al volontariato. Questo – sottolineano Pierluigi De Vittorio e Paola Conti, Fondatori di iDoctors – è alla base dei nostri principi. Un piccolo gesto il nostro che racchiude in sé tutti i valori dell’inclusione, che mai come oggi dovrebbe rappresentare il fulcro della comunità. Donare vuol dire scegliere. Scegliere di non stare a guardare e diventare parte integrante di un progetto comune di solidarietà. Siamo orgogliosi di questa iniziativa, che incarna appieno i nostri valori.”

“Quando siamo malati siamo tutti più vulnerabili e più impauriti – afferma Alessandro Radicchi, fondatore di Binario 95 – e questa pandemia ce lo ha ricordato. Chi non ha una casa o una famiglia che lo possa accudire e sostenere, in caso di malattia, si trova ad essere escluso tra gli esclusi, in solitudine e spesso, nell’inconsapevolezza di ciò che gli sta accadendo, rischia di rinchiudersi in un isolamento che lo allontana ancora di più da una relazione d’aiuto che potrebbe salvarlo. SuperTeleDottore è un progetto innovativo e sperimentale che, lungi dal volersi sostituire all’assistenza sanitaria istituzionale che di diritto deve spettare a tutti, siamo certi aprirà delle nuove opportunità per rendere il mondo dell’accoglienza più connesso, più vicino e speriamo più tutelato dal punto di vista sanitario.”

La sperimentazione del progetto, portata avanti in questi mesi presso i servizi di accoglienza gestiti da Binario 95, da oggi sarà disponibile anche per tutte le persone fragili, senza dimora o per i centri di accoglienza di Roma Capitale e della rete ONDS, Osservatorio nazionale della solidarietà nelle stazioni, che potranno prenotarsi attraverso l’Hub di Dottor Binario tramite il centralino telefonico 06.94809595, operativo dal lunedì al venerdì, dalle 9 alle 17.

Per info e contatti:

www.dottorbinario.it

Binario 95 | Valentina Difato – 3492668882

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here

- Advertisment -spot_img

I PIù LETTI