Tempesta di agosto: il grido d’allarme di Coldiretti

Gli eventi atmosferici estremi di questi giorni hanno falcidiato le campagne, distrutto raccolti e danneggiato in maniera spesso irreparabile gli impianti. Coldiretti lancia un grido di aiuto per gli agricoltori che contano milioni di euro di danni, con una filiera già provata dalle conseguenze della pandemia

0

Se volessimo commentare con ironia, certamente fuori luogo, verrebbe spontaneo dire “non ci facciamo mancare nulla”. Infatti, come se non bastassero sei mesi da incubo che hanno provato la nostra economia, con una pandemia che ancora non dà speranze per il futuro, la fine di agosto è stata funestata dai consueti fenomeni atmosferici estremi.

Dalle trombe d’aria, a chicchi di grandine grandi come palline da ping pong, a fiumi che esondano. A pagare il prezzo più alto sono le campagne, devastate dal maltempo: alberi da frutta divelti, filari di vigneti abbattuti, serre distrutte e coltivazioni sott’acqua dal nord al centro Italia dove appena arrivata la perturbazione ha già colpito tra l’altro ulivi, sorgo e girasole.

Tempesta di agosto: il grido d’allarme di Coldiretti

Questa situazione drammatica emerge dal monitoraggio dei danni di Coldiretti. La tempesta di agosto ha investito a macchia di leopardo il nostro Paese, facendo scattare la richiesta di verifica dello stato di calamità per l’agricoltura nelle zone colpite, con milioni di euro di danni: dal Veneto al Piemonte, dalla Lombardia al Trentino Alto Adige fino a Marche, Toscana e Lazio. Un mese di agosto pazzo segnato da quasi 10 tempeste al giorno che hanno devastato i raccolti, secondo l’elaborazione di Coldiretti, su dati dell’European Severe Weather Database (Eswd).

In questa fase stagionale la grandine è la più temuta dagli agricoltori per i danni irreversibili che provoca ai raccolti, ma in molte aziende anche le reti stese a protezione di viti, kiwi, mele e pere – sottolinea la Coldiretti – sono state devastate dalla furia del clima. Sott’acqua sono finite intere coltivazioni di ortaggi, legumi ma anche il mais e la soia necessarie per l’alimentazione degli animali nelle stalle.

Tempesta di agosto: il grido d’allarme di Coldiretti

 

Molte aziende – precisa la Coldirettihanno perso in pochi attimi un intero anno di lavoro, ma si contano anche danni strutturali con gli impianti che non potranno più produrre per molto tempo. I tecnici di Coldiretti sono al lavoro per la valutazione dei danni e per l’assistenza alle aziende agricole nelle zone colpite dove si deve fare i conti anche con frane e smottamenti che ostacolano la viabilità e con terreni che non riescono ad assorbire le violente precipitazioni.

Tempesta di agosto: il grido d’allarme di Coldiretti

Tutto questo, ci tiene a precisare Coldiretti, è conseguenza diretta dei cambiamenti climatici e l’eccezionalità degli eventi atmosferici è ormai la norma anche in Italia, con una tendenza alla tropicalizzazione che si manifesta con una più elevata frequenza di manifestazioni violente, sfasamenti stagionali, precipitazioni brevi ed intense ed il rapido passaggio dal sole al maltempo, con sbalzi termici significativi che compromettono le coltivazioni nei campi con costi per oltre 14 miliardi di euro in un decennio, tra perdite della produzione agricola nazionale e danni alle strutture e alle infrastrutture nelle campagne.

Leggi anche:

Agricoltura e alluvioni: basta con i disastri annunciati

Energia al servizio dell’agricoltura, accordo tra ENI e Coldiretti

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News


Lascia una risposta