Combi Mais 6.0: la qualità da ricerca e innovazione

L’innovativo progetto di maiscoltura basato su un protocollo di coltivazione sostenibile e ultratecnologico quest’anno si estende anche alla granella per uso zootecnico

0

Combi Mais 6.0: la qualità da ricerca e innovazione. Lo scorso 21 maggio, presso la nuova sede Granaria di Milano nella Torre Uffici SogeMi, società che gestisce i mercati agroalimentari all’ingrosso di Milano, è stata presentata la sesta edizione di Combi Mais. Si tratta del protocollo messo a punto da Mario Vigo, presidente di Innovagri , con l’impiego di metodologie sempre più sofisticate in materia di precision farming, irrigazione e nutrizione, grazie alla partecipazione di tante società, unite per creare una filiera completa. Combi Mais 6.0 si conferma un protocollo ampiamente collaudato di coltivazione sostenibile, in grado di combinare agronomia e innovazione sia per semplificare il lavoro degli operatori che per ottenere più produttività, qualità, redditività nella produzione di granella per uso alimentare.

Combi Mais 6.0: la qualità da ricerca e innovazione

L’uso zootecnico di Combi Mais 6.0

Un successo costante, che ha portato la formula vincente di Combi Mais ad estendere la gamma delle sue applicazioni: da quest’anno, infatti, non solo per uso alimentare, ma anche zootecnico.

Una scommessa importante: la profittabilità di Combi Mais negli anni scorsi è sempre stata straordinariamente migliore del benchmark di zona, obiettivo da raggiungere anche con la produzione di granella per la filiera animale, dimostrando che è possibile implementare anche questa coltura.

Si parla tanto di Made in Italy e di “riscossa dell’agroalimentare italiano”; ed è utile ricordare che carne, latte e formaggi più sani si ottengono con la qualità dei mangimi a base di mais di cui si nutrono suini e bovini. Questo è un passaggio importantissimo della filiera alimentare, di cui Combi Mais rappresenta il primo anello, garantendo la massima salubrità al consumatore finale.

“Mais in Italy” per una costante ricerca della qualità

Combi Mais risponde perfettamente alle nuove sfide della maiscoltura italiana, ed è per questo che aderisce al progetto “Mais in Italy” che Syngenta ha lanciato con l’obiettivo di sensibilizzare i produttori italiani su temi importanti quali la gestione delle micotossine, l’uso responsabile degli agrofarmaci, l’uso efficiente dell’acqua.

Mario Vigo, che ci aveva ampiamente illustrato il progetto Combi Mais nella nostra intervista dello scorso 31 gennaio, ha sottolineato che: “Il nostro obiettivo è quello di continuare la sfida produttiva per realizzare qualità e sostenibilità, in modo da interpretare l’agricoltura del presente e del futuro”.

Combi Mais 6.0: la qualità da ricerca e innovazione

Combi Mais 6.0: laboratorio di ricerca e innovazione

Combi Mais,  è un programma che si rinnova: ogni anno le diverse aziende hanno novità e le mettono in gioco in questo progetto che è un laboratorio di ricerca e innovazione. Ad esempio, se una delle aziende ha messo a punto un trattore innovativo che emette meno CO₂ ed è meno impattante sull’ambiente, ecco che rientra perfettamente nella filiera. E questo succede sull’attrezzistica e sul digitale o su qualsiasi altro segmento. Estremamente ambizioso l’obiettivo finale con la produzione di 20 tonnellate di granella per ettaro, in 30 ettari presso l’Azienda Agricola Folli, a Robbiano di Mediglia in provincia di Milano.

Mario Vigo, presidente di Innovagri

Le novità Combi Mais 6.0

Ma guardiamo da vicino alle novità tecniche, tecnologiche e digitali del progetto Combi Mais 6.0.

– E’ stato introdotto un secondo ibrido non solo per la filiera alimentare da affiancare al Sy Brabus, il Sy Fuerza, per rispondere al bisogno dei produttori di granella per filiera animale di produrre quantità e qualità tali da garantire una remunerazione migliore di coloro che producono per la “massa”

Digital Precision Farming: ampiamente presente nella gestione delle fasi cruciali della coltura, dalla preparazione del letto di semina, alla semina, alla gestione dell’irrigazione, al monitoraggio della fenologia, alla determinazione del momento ideale di raccolta, alla mappatura della produzione, utilizzando attrezzature e tecnologie digitali che permettono di gestire la coltura con la massima efficienza, minimizzando gli sprechi e massimizzando il ritorno dell’investimento. Netafim (leader mondiale nei sistemi per l’irrigazione) mette a disposizione dell’imprenditore agricolo piattaforme digitali che utilizzano informazioni provenienti da sensori, satelliti e banche dati, per indicare momenti di interventi irrigui e/o di protezione per pianificare azioni in grado di salvaguardare il potenziale produttivo.

Qualità della granella: attento monitoraggio sia delle micotossine che del contenuto in amido/potere nutritivo (grazie all’installazione del NIR su mietitrebbia). SYNGENTA monitorerà l’avanzamento dello stato vegetativo della coltura e determinerà il momento idoneo per la raccolta con FARMSHOT, l’innovativa piattaforma che permette di identificare fattori di discontinuità nell’appezzamento, sulla base di rilevazione NDVI ed elabora informazioni di supporto alle decisioni.

Combi Mais 6.0: la qualità da ricerca e innovazione

GPS E SENSORISTICA per acquisizione delle mappe di vegetazione e produzione: TOPCON Agricolture, installerà sulla trattrice Deutz-Fahr 7250 TTV il sistema in grado di gestire contemporaneamente la guida della trattrice per l’effettuazione di semina, concimazione ed irrorazione guidate dal GPS, nonché per la raccolta dati (mappatura della vegetazione nelle varie fasi, mappatura della produzione) che serviranno per comprendere quali sono i fattori produttivi che limitano od esaltano il risultato finale.

Un apporto nutrizionale ancora più mirato per mettere la genetica nelle migliori condizioni di performance sia fisiologica che produttiva. Tutto questo è possibile grazie alla nutrizione con i concimi organo-minerali ad elevata efficienza Unimer, FLEXIFERT distribuito in presemina con spandiconcime Kuhn idoneo al precision farming. Inoltre, prima della preparazione del letto di semina sarà distribuito il soil improver Microlife di UNIMER, per un miglioramento strutturale e micro-biologico del terreno e bioattivare la fertilità.

Trattamento “antistress” e biostimolante della coltura per favorire l’accumulo di zuccheri grazie al prodotto SINERGON PLUS, oltre al trattamento Cifo di nutrizione in fertirrigazione

– Trattrice “green” DEUTZ-FAHR 7250 TTV con cambio a variazione continua, per risparmiare carburante e con netta riduzione sulle emissioni CO2 nell’atmosfera grazie anche ad un motore di nuova generazione

– Sostegno alla biodiversità: il bordo OPERATOR POLLINATOR di Syngenta già dimora da diversi anni in parti della coltivazione e verrà mantenuto affinché la fioritura scalare delle varie essenze continui a favorire la riproduzione di insetti pronubi e mammiferi di piccola taglia, confermando che agricoltura intensiva e biodiversità possono coesistere.

La farina per polenta Combi Mais è commercializzata con successo presso i supermercati e ipermercati a insegna IPER, UNES, U2, Viaggiator Goloso – la linea top di gamma pensata per offrire, anche ai palati più esigenti, le migliori specialità grazie ad un’attenta selezione e ad una continua ricerca dei prodotti più genuini.

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News

Lascia una risposta