venerdì, Marzo 1, 2024

Rome 10°C

Mediterranea, la nuova alleanza da Unionfood e Confagricoltura

Mediterranea, la nuova alleanza da Unionfood e Confagricoltura
Foto @Depositphotos_23996011_S

‘Mediterranea’, per lo sviluppo delle filiere legate alla piramide della salute.

Si chiama Mediterranea, come la rinomata dieta ed è la nuova associazione nata dall’alleanza tra Unione Italiana Food e Confagricoltura, con l’obiettivo di sviluppare le filiere legate alla piramide della salute.

Unione Italiana Food (Unifood) associazione che raccoglie oltre 900 marchi della trasformazione industriale e Confagricoltura che rappresenta circa il 45% della produzione agricola nazionale hanno sottoscritto un’alleanza necessaria al riavvicinamento dei due anelli cardini della filiera agroalimentare che va dal campo al prodotto finito.

Mediterranea: gli obiettivi

Prende vita così l’associazione Mediterranea, una coalizione che esprime un valore di 106 miliardi di euro (56 miliardi per l’industria e 49,2 miliardi per la parte agricola, incluso il valore aggiunto) e offre lavoro a oltre 650mila addetti, coinvolgendo 2/3 delle imprese agricole italiane.

Mediterranea è “un’associazione di scopo”, spiega Massimiliano Giansanti, che della neonata associazione sarà anche presidente. Gli obiettivi saranno soprattutto la promozione all’estero e la creazione di accordi di filiera.

Giansanti, come riporta l’intervista del Sole 24 Ore, spiega: “l’idea di lavorare insieme è nata nel 2017, quando mettemmo in piedi il Protocollo d’intesa grano duro-pasta, che negli anni ha portato a un significativo aumento del numero dei contratti di filiera tra i pastai e il mondo agricolo, con beneficio di entrambi”. “Sulla scia del protocollo sulla pasta – prosegue Giansantiora Mediterranea punta a costruire intese simili anche in altri settori, a cominciare dalla filiera del pomodoro, da quella del grano tenero e da quella dell’olio extravergine d’oliva. Il secondo obiettivo dell’associazione è di lavorare insieme, industria alimentare e agricoltori, per aumentare la competitività sui mercati esteri”.

Mediterranea in futuro farà parte delle delegazioni che accompagnano le imprese italiane nelle missioni all’estero alla ricerca di nuovi mercati, firmerà studi e ricerche di settore, costruirà tavoli trasversali sui temi fiscali, sul recepimento degli investimenti, sull’accessibilità dei fondi. Inoltre sarà aperta anche all’ingresso di altre associazioni.

Paolo Barilla presidente di Unionfood e vicepresidente di Mediterranea aggiunge: “l’obiettivo è aprirci, in prospettiva, ad altre associazioni, che vogliano contribuire a promuovere una cultura che valorizzi il più possibile l’apporto delle nostre produzioni all’italianità della dieta mediterranea e delle nostre filiere. Contiamo di iniziare presto a lavorare su due comparti molto significativi: pomodoro e frumento tenero”.

Photo Credit: Depositphotos.

ALTRI ARTICOLI
nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

i più letti

Newsletter

Gli articoli della settimana direttamente sulla tua email

Newsletter