Covid-19: mascherine ritrovate sulle spiagge di Hong kong, rischio ambientale

Coronavirus: operatori dell’organizzazione OceansAisa, durante gli interventi di pulizia delle spiagge, trovano mascherine utilizzate per contrastare il contagio del Codiv-19 sulle spiagge e nel mare di Hong Kong. La causa? L'errato smaltimento delle mascherine, con rischi molto gravi di inquinamento marino

0

Tutto il mondo sta combattendo l’emergenza coronavirus, in particolar modo la nostra amata Italia. Per arginare il contagio, nonostante la carenza di mascherine, questi dispositivi di protezione, come tanti altri oggetti usati, finiscono nella spazzatura e, da qui al mare il passo è breve.

Grandi quantità di mascherine di ogni tipo e colore sono state ritrovate sulle spiagge e nel mare di Hong Kong. Il team di OceansAsia, organizzazione per la salvaguardia dell’ambiente marino, capitanato da Gary Stokes, sta conducendo un progetto di monitoraggio dell’inquinamento da plastica, diretto dal Dr. Teale Phelps Bondaroff
Dirctor of Research di OceansAsia. D
urante una delle perlustrazioni ambientali sulle isole Sokos di Hong Kong gli operatori si sono imbattuti in un’infinità di mascherine galleggianti in mare e sulle spiagge.

mascherine

L’arrivo dei dispositivi  in queste acque, probabilmente è dovuto al trasporto delle correnti marine dalla popolazione che vive nelle vicinanze e che attualmente è nel pieno dell’emergenza Coronavirus.

L’errato smaltimento delle mascherine potrebbe suscitare un impatto ambientale disastroso, sovrapponendosi al serio problema, già esistente, dell’inquinamento marino.

Le mascherine difatti sono composte in gran parte da polipropilene, materiale pericoloso per la fauna marina. Il polipropilene impiega molto tempo per deteriorarsi e se fosse ingerito da pesci e altri animali marini, potrebbe arrecare loro gravi danni fino a provocarne la morte.

Inoltre, la decomposizione di questo materiale non è totale ma subisce una trasformazione in microplastiche, non escludendo così l’entrata nella filiera alimentare.

Come arginare questa nuova minaccia?

Per prima cosa la Cina dovrebbe trovare una soluzione allo smaltimento delle mascherine, come tutti i paesi produttori di dispositivi usa e getta.

L’Italia è un paese con molte aziende occupate nel settore tessile che oggi, in un momento di necessità, hanno riconvertito le loro attività nella produzione di grandi quantitativi di mascherine. La differenza della produzione “Made In Italy” da quella cinese, non è monouso, bensì riutilizzabili e lavabili.

Un caso esemplare è quello della sarta e stilista Irene Coppola che realizza le mascherine e le regala e dell’azienda pergolese Noctis, leader nel settore di letti tessili che ha avviato una linea dedicata alla produzione di mascherine e camici igienico-sanitari.

Il commissario per l’Emergenza Coronavirus, Domenico Arcuri, ha annunciato che nei prossimi giorni saranno diffuse circa 45 milioni di mascherine prodotte da un consorzio di imprese settore moda e tessile, facendo fronte alla metà del fabbisogno mensile. Speriamo non siano come quelle inviate in molti ospedali, buone solo per il prossimo carnevale, quando, come speriamo, sarà finito questo brutto momento.

 

 

Leggi anche :

Coronavirus : Amuchina fatta in casa? Ecco i consigli del Ministero della Salute

Coronavirus, gatti e cani? Ne parliamo con il veterinario

Mascherina si o mascherina no: questo è il dilemma

Coronavirus, lavarsi bene le mani è la raccomandazione dell’Oms

Coronavirus, suggerimenti per spiegarlo ai bambini

 

 

Foto: OceanAsia

Fonte : GreenMeIl Messaggero

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News


Lascia una risposta