Feel the Peel: bere succo d’arancia da una tazza fatta d’arance

Lo studio Carlo Ratti Associati, in collaborazione con Eni, ha ideato e realizzato il bar circolare Feel the Peel, una macchina capace di spremere arance e dai residui crearne bicchieri prodotti grazie a stampanti 3D. Un progetto rivoluzionario che mostra evidenti le potenzialità dell’economia circolare

0

Feel the Peel: bere succo d’arancia da una tazza fatta d’arance. Si chiama Feel the Peel ed è il primo bar circolare al mondo sviluppato dallo studio di design italiano Carlo Ratti Associati. Un esempio evidente della potenzialità che nasconde il concetto di economia circolare. Il sistema, che è stato creato in collaborazione con Eni, produce succhi di arance e poi trasforma la scorza di arancia inutilizzata in tazze di bioplastica stampate in 3D.

Lo studio Carlo Ratti ha presentato il suo Circular Juice Bar al Meeting di Rimini e sarà presto a Milano per mostrarne le funzionalità durante il Singularity University Summit (8 e 9 ottobre), prima di tornare nella cittadina romagnola in occasione di Ecomondo (dal 5 all’8 novembre). Prima tappa di un tour nelle città italiane che permetterà di sperimentare le possibilità d’utilizzo di quanto fino ad oggi diventa “scarto”.

Con un’altezza di 3,1 metri, Feel the Peel è una meraviglia in termini di design. Circolare nella sua economia e nella sua struttura, il tetto a cupola della barra di succo è composto da 1.500 arance, che scivolano automaticamente nello spremiagrumi quando qualcuno ordina una tazza di succo.

Alla messa in funzione della macchina, si tagliano le arance in due e se ne spreme il succo; la buccia, invece, va in un apposito contenitore dove, dopo l’essiccatura, vi si mescola l’acido polilattico per trasformarle in bioplastica. Il resto lo fa una stampante 3D integrata nella macchina. Il prodotto scaldato diventa filamento e crea davanti agli occhi del futuro “cliente” il bicchiere in cui sarà versato il succo. La tazza usa e getta può essere buttata via senza impatti sull’ambiente (per comprendere il meccanismo qui il video).

Per completare, il design circolare della macchina Feel the Peel, le tazze a base di arancia possono quindi essere riciclate o riutilizzate. In fondo, Ratti afferma che la barra di succo Feel the Peel potrebbe anche integrare funzioni aggiuntive, tra cui la produzione di tessuto a base di buccia d’arancia.

“Il principio di circolarità è un must per gli oggetti di oggi”, ha commentato Carlo Ratti, fondatore dell’omonimo studio. “Lavorando con Eni, abbiamo cercato di mostrare la circolarità in modo molto tangibile, sviluppando una macchina che ci aiuta a capire come le arance possono essere utilizzate ben oltre il loro succo”.

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News

Lascia una risposta