Milano, Parco Nord: nasce la strada fiorita delle api

Sono stati inaugurati lo scorso 5 dicembre i lavori di inizio della strada fiorita più lunga d’Italia, a Milano, Parco Nord. Un vero corridoio di fiori a favore delle api, preziosissimi impollinatori, che ha anche l’importante obiettivo di ridurre la percentuale di suolo cementato e riqualificare

0

Dalla prossima primavera il paesaggio urbano locale avrà un nuovo aspetto. L’autostrada delle api, infatti, sarà lunga 3,5 km e attraverserà il Parco Nord Milano, da nord est a sud ovest, creando un vivace tragitto di colori e profumi con 1 milione di fiori e 3000 nuove piante erbacee perenni.

Autostrada delle api, l’inizio dei lavori

Il 5 dicembre 2019, nella Giornata Mondiale del Suolo, in viale Suzzani, ai confini con il Parco, ha preso il via la decementificazione di una cospicua area spartitraffico per costruire una lunga aiuola fiorita con specie attrattive per le api. All’evento inaugurale hanno partecipato l’assessore al Verde del Comune di Milano Pierfrancesco Maran, la presidente di Legambiente Lombardia Barbara Meggetto e il presidente del Parco Nord Milano Marzio Marzorati.

Il progetto è partito con la rimozione di una superficie di 400 metri quadrati asfaltati che si trasformeranno in uno spazio ricco di fiori per i nostri piccoli amici impollinatori.

L’autostrada delle api è un’iniziativa sostenuta da un’operazione di crowdfunding rivolta alle aziende e ai singoli cittadini. Una volta completato, il percorso ha l’obiettivo di riconnettere le aiuole già realizzate e collegare i due apiari condivisi di circa 15 arnie, condotti da circa cinquanta di cittadini volontari, realizzati uno all’Orto Comune Niguarda e l’altro alla Cascina Centro Parco. L’idea è quella di proteggere e aumentare il numero delle api, favorendo la bellezza e la stabilità ecologica degli ecosistemi e gli orti sociali.

Milano, Parco Nord: nasce la strada fiorita delle api
Foto di Jeon Sang-O da Pixabay

Parco Nord si trasforma attraverso un progetto green

Più verde e meno cemento per il parco periurbano metropolitano situato nella periferia settentrionale di Milano, che ha iniziato da qualche anno a realizzare aree fiorite per attirare e nutrire le api. Dagli anni ’80, inoltre, nell’area sono stati deimpermeabilizzati 112.000 metri quadrati di suolo pubblico. Al netto delle piste ciclabili e dei parcheggi, si apprende dal sito ufficiale, sono stati restituiti alla natura oltre 27.000 metri quadrati. Un modello ambizioso di rimozione di cemento e decompressione dei suoli.

Come ha affermato Marzio Marzorati: “Il Parco Nord è la testimonianza urbana vivente di conservazione del suolo, un luogo strappato all’edificazione e reso bello da anni di interventi dedicati alla valorizzazione ambientale. Dove c’erano aree marginali e abbandono ora sorgono aree verdi di pregio, luoghi vitali dove il suolo è una risorsa che assorbe acqua, crea biodiversità, rinfresca i quartieri: un esempio di foresta urbana che rigenera gli ambienti e la fruizione di milioni di persone”.

Il presidente del Parco Nord Milano, poi, ha ricordato come negli anni recenti siano state diverse le iniziative di naturalizzazione per realizzare un Piano Territoriale del Parco a consumo di suolo zero . “Le api sono un indicatore di qualità degli habitat” — ha spiegato — e la strada fiorita “aiuterà la loro espansione, raccolta e riproduzione”.

Milano protagonista come altre città europee

Imprese del genere non sono nuove. Milano segue le orme di altre città d’Europa. Oslo, per esempio, in Norvegia, ha avviato nel 2015 i lavori per la realizzazione di un’autostrada per le api che percorre le vie della città. Piccole, ma significative, stazioni di polline costituite da vasi di fiori, presenti ogni 250 metri sui tetti e sui balconi delle abitazioni.

La scia di questo incredibile progetto ha ispirato anche Londra. La capitale britannica, nel 2019, proprio nell’interesse per la tutela delle api, ha deciso di creare un’area di 50 mila metri quadri, con 22 prati fioriti nei parchi e negli spazi urbani, insieme a un “corridoio” fiorito lungo 11 chilometri.

Non è stata da meno la città olandese di Utrecht che ha ricoperto di fiori e piante, soprattutto succulente, le pensiline di circa 300 fermate di autobus con lo scopo di aiutare api e bombi, sempre più in pericolo, e favorirne la sopravvivenza.

La realizzazione di simili strade verdi è un’iniziativa preziosa per gli insetti impollinatori. Il calo demografico delle api, infatti, rappresenta un fenomeno preoccupante. I fattori coinvolti spaziano dall’uso di pesticidi alla frammentazione degli habitat, e non solo, e il trend non accenna a migliorare. Che mondo sarebbe senza le api?

 

 

Fonte: Parco Nord Milano – https://parconord.milano.it/4404-il-parco-toglie-il-cemento-e-costruisce-strade-fiorite-per-le-api/

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News

Lascia una risposta