Nuovo coronavirus, i cani addestrati per riconoscere i positivi

La School of Veterinary Medicine dell'Università della Pennsylvania (Penn Vet) ha proposto un programma di addestramento pilota che utilizza i cani per discriminare campioni provenienti da pazienti positivi e negativi a Covid-19

0

I nostri amici a quattro zampe, con un massimo di 300 milioni di recettori dell’olfatto rispetto ai sei milioni presenti nell’uomo, potrebbero collaborare al rilevamento della malattia da nuovo coronavirus, in particolare tra pazienti asintomatici o in ambienti ospedalieri o aziendali in cui i test sono più impegnativi. Lo screening preliminare di esseri umani da parte di cani addestrati, specifica la Penn Vet, potrebbe iniziare già nel mese di luglio.

“Fido”, un possibile aiuto nella battaglia contro Covid-19

Nel corso di tre settimane, attraverso un processo chiamato “imprinting degli odori”, 8 cani saranno esposti in ambiente di laboratorio alla saliva e ai campioni di urina di soggetti positivi a Covid-19. Una volta memorizzati gli odori, gli studiosi verificheranno se i cani, nel medesimo ambiente di cui sopra, sono in grado di discriminare tra campioni positivi e negativi al nuovo coronavirus.

I cani per la rilevazione di odori possono individuare accuratamente basse concentrazioni di composti organici volatili, altrimenti noti come VOCs, associati a varie malattie come il cancro ovarico, le infezioni batteriche e i tumori nasali. Questi VOCs sono presenti nel sangue umano, nella saliva, nelle urine o nel respiro ” — ha affermato Cynthia Otto, medico veterinario, PhD e direttore del Working Dog Center presso la School of Veterinary Medicine (Penn Vet). “Il potenziale impatto di questi cani e la loro capacità di rilevare Covid-19 potrebbe essere notevole. Questo studio sfrutterà la straordinaria abilità del cane di supportare i sistemi nazionali di sorveglianza di Covid-19, con l’obiettivo di ridurne la diffusione nella comunità” .

Nuovo coronavirus, i cani addestrati per riconoscere i positivi
Foto da Pixabay

Un corpo di sorveglianza “speciale”

Ma non è solo l’Università della Pennsylvania a studiare il ruolo dei nostri compagni pelosi nell’attuale emergenza sanitaria: dopo aver collaborato per dimostrare che i cani possono essere addestrati per rilevare la malaria, anche la London School of Hygiene & Tropical Medicine (LSHTM), il Medical Detection Dogs e la Durham University hanno avviato un programma di ricerca per scoprirlo.

Secondo i ricercatori, i cani potrebbero integrare i test in corso effettuando uno screening accurato e veloce del virus ed esaminando potenzialmente più di 200 persone l’ora. Una volta addestrati, poi, potrebbero essere dispiegati in porti e aeroporti o in altri spazi pubblici.

Non sappiamo ancora se Covid-19 ha un odore specifico, ma sappiamo che altre malattie respiratorie cambiano l’odore del nostro corpo, quindi c’è una possibilità che lo faccia.E se lo fa i cani saranno in grado di rilevarlo. Questo nuovo strumento diagnostico potrebbe rivoluzionare la nostra risposta a Covid-19 ” — ha spiegato il professor James Logan, capo del Dipartimento di controllo delle malattie dell’LSHTM e direttore dell’Arthropod Control Product Test Centre (ARCTEC).

 

Fonti

Press release University of Pennsylvania

London School of Hygiene and Tropical Medicine

 

 

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News


Lascia una risposta