Sardegna Sicura, l’estate nell’Isola con l’obbligo di registrazione

Il presidente della Regione Sardegna, Christian Solinas, firma una nuova ordinanza per il tracciamento e la registrazione di tutti i turisti in arrivo nell’Isola questa estate, tramite modulo online oppure tramite l’app Sardegna Sicura. Le modalità

0

Sardegna Sicura è l’app per tutti i turisti in arrivo nell’Isola quest’estate 2020. Naufragata l’idea del passaporto sanitario e dell’autocertificazione che tanto ha fatto discutere, il governatore della Regione Sardegna, Christian Solinas, nella notte tra il 2 e il 3 giugno, ha firmato una nuova ordinanza per il tracciamento e la registrazione di tutti i turisti in arrivo nell’Isola. Sarà possibile fare ciò tramite modulo online, reperibile sul sito regionale oppure con l’app “Sardegna Sicura”.

Ma come comportarsi?

Nel documento si legge che tutti i soggetti che intendono imbarcarsi su linee aeree o marittime dirette in Sardegna, a prescindere dai luoghi di provenienza e al solo fine di monitorare gli ingressi e le permanenze su tutto il territorio regionale, sono tenuti a registrarsi prima dell’imbarco utilizzando l’apposito modello da compilare ed inviare esclusivamente per via telematica nell’ambito dei procedimenti digitali dello sportello unico dei servizi della Regione Autonoma della Sardegna, in conformità a quanto indicato nella sezione “Nuovo Coronavirus” della home page del sito istituzionale della regione Sardegna o mediante l’applicazione “Sardegna Sicura””.

Inoltre ciascun passeggero dovrà presentare copia della ricevuta di avvenuta registrazione unitamente alla carta d’imbarco e ad un documento d’identità in corso di validità. La compagnia aerea o marittima, verifica, preliminarmente all’imbarco, la ricevuta dell’avvenuta registrazione.”

Tuttavia, fino al 12 giugno, per chi non avesse compilato il modulo in via telematica, potrà farlo manualmente a bordo.

L’Arrivo in Sardegna

Una volta arrivati in porti e aeroporti della Sardegna, tutti i viaggiatori saranno sottoposti alla misurazione della temperatura che non dovrà superare i 37,5 gradi. Dovranno poi compilare una scheda sanitaria “di ricerca di possibili pregresse infezioni o contatti col Coronavirus, contenuta nel modulo di registrazione, dando eventualmente anche il proprio consenso per l’indagine epidemiologica regionale”.

In una successiva ordinanza saranno adottate specifiche misure per incentivare, “seppure su base volontaria, l’esecuzione di specifici test – sia per finalità diagnostiche che epidemiologiche – da parte dei passeggeri in arrivo in Sardegna, anche attraverso una campagna di sensibilizzazione alla funzione etica e solidale di prevenzione e salvaguardia della salute pubblica di tale cautela e il riconoscimento di voucher specifici, spendibili sul territorio regionale.

L’app Sardegna Sicura

Sardegna sicura, l’app di cui si parla nella nuova ordinanza, non è però ancora disponibile. Sul sito della Regione Sardegna si legge che lo sarà dal 13 giugno, semplicemente scaricabile dagli app-store per sistemi operativi iOS e Android.

Insomma, l’estate nella nostra bella Isola, sarà con l’obbligo di registrazione. Con l’auspicio che tutto questo possa servire a contenere i contagi. E con la speranza che presto sarà possibile viaggiare di nuovo e programmare le nostre vacanze in piena libertà e senza le limitazioni da covid-19.

Scarica il modulo di registrazione

 

Leggi anche

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News


Lascia una risposta