Sorsi Solidali: coltivare e custodire terra e persone

Giunge alla quarta edizione il concorso “Wine Tasting - Sorsi Solidali” che seleziona e premia i migliori vini prodotti da aziende che coinvolgono nel ciclo produttivo persone in condizione di marginalità sociale. Sono 21 le bottiglie selezionate che, il 25 settembre prossimo a Gorizia, si sfideranno per l’assegnazione del “‘4’ Tassello d’Oro”.

0

All’interno della splendida cornice della terrazza, con vista su Roma, della sede nazionale di Cia-Agricoltori Italiani, è stata presentata la quarta edizione di “Wine Tasting – Sorsi Solidali”, il concorso enologico internazionale per i vini sociali prodotti da imprese, cooperative e associazioni che coinvolgono, nel ciclo produttivo, persone in condizione di marginalità sociale contribuendo a ridare loro autonomia e dignità. Obiettivo del concorso è quello di presentare al pubblico i migliori vini prodotti da aziende italiane e comunitarie con finalità sociale e solidaristica, valorizzando la loro capacità di coniugare tematiche e scopi sociali con l’eccellenza del prodotto.

Sorsi Solidali: coltivare e custodire terra e persone

L’iniziativa è realizzata dal Consorzio di Cooperative Sociali “Il Mosaico” che da anni sperimenta la produzione di vino sociale con la sua associata la cooperativa “CONTEA”, produttrice del Morus Morâr, frutto del lavoro di persone che vivono diverse forme di disagio psichico e sociale.

La nuova edizione vede Cia-Agricoltori Italiani, insieme con la sua Ong ASeS (Agricoltori, Solidarietà e Sviluppo) e il Forum Nazionale dell’Agricoltura Sociale, partner del progetto e vetrine autorevoli per questa tipologia di produzione enologica.

Il concorso “Wine Tasting – Sorsi Solidali”

Il “Wine Tasting – Sorsi Solidali”, nato nel 2015, cresce ogni anno di qualità, trovando spazio anche all’interno delle ultime edizioni del “Vinitaly”. Per l’edizione 2018, una commissione di 12 esperti, divisi tra valutatori di Assoenologi FVG, Associazione Italiana Sommelier, ONAV e firme qualificate del mondo del giornalismo specializzato, ha degustato e valutato 21 vini di produzione sociale, provenienti da tutta Italia e alcuni anche dalla Catalogna. Fuori dal giudizio della Commissione tecnica, il valore sociale di tutti i progetti alla base delle produzioni vitivinicole, come il caso dei vini prodotti su terreni confiscati alla mafia.

L’iniziativa è stata possibile grazie, anche, alla collaborazione del Comune di Moraro e alla squisita ospitalità dell’Azienda agricola “Vie di Romans” nella fase di valutazione dei vini. L’appuntamento finale sarà a Gorizia, il 25 settembre prossimo, quando saranno premiati i 3 vini vincitori della kermesse con la consegna del “4° Tassello D’Oro” e saranno resi noti i nomi di tutti i vini ammessi alla degustazione in occasione di “Gusti di Frontiera”.

Solidarietà ma anche tanta qualità

Come sottolineato da Mauro Perissini, presidente del Consorzio “Il Mosaico”, di questi vini, oltre al rilievo sociale delle attività che portano avanti le diverse aziende, va sottolineata soprattutto la qualità produttiva: “Con Sorsi Solidali ci piace poter dimostrare che, quando si ingaggiano soggetti diversi e qualificati, gli esiti sanno essere davvero sorprendenti e ottimi. E’ una rassegna che pone le finalità sociali del concorrente quale elemento di ammissione, ma la qualità del prodotto come unico elemento della valutazione tecnica, proprio per dare visibilità alle imprese sociali che sanno coniugare solidarietà e qualità produttiva”.

Giuliana Colucci, intervenuta in rappresentanza del Forum Nazionale Agricoltura Sociale, ha sottolineato il rilievo che l’agricoltura sociale ha in Italia, facendo riscoprire quei valori che da sempre hanno rappresentato e guidato l’attività delle famiglie contadine. Fondamentale in questo senso “che possa riprendere presto l’iter per l’approvazione dei decreti attuativi della legge nazionale sull’agricoltura sociale, affinché si possa valorizzare appieno un settore, quello dell’agricoltura sociale, che produce lavoro, diritti e benessere per la collettività”.

Sorsi Solidali: coltivare e custodire terra e persone

“I vini solidali sono una realtà in costante crescita capace di coniugare la distinzione territoriale con un forte contenuto sociale – ha aggiunto Cinzia Pagni della Giunta nazionale Cia-Agricoltori Italiani e presidente dell’Ong di riferimento ASeS. Sempre più presenti e diffuse, le aziende agricole sociali che affiancano alla coltivazione della vite e alla produzione del vino i valori della solidarietà, il rispetto dell’ambiente e del paesaggio, rappresentano ormai un’asse strategico e portante del Made in Italy. I vini solidali, e le iniziative collegate come questa, sono da diffondere e valorizzare”.

 

 

Lascia una risposta