FlixBus gli autobus verdi sempre più green

La compagnia di pullman low cost tedesca, presente anche in Italia dal 2015, propone una gamma di 30 autobus fuel cell in grado di assicurare emissioni zero e un’autonomia di 500 km

0

Gli autobus verdi di FlixBus diventano sempre di più una realtà sostenibile ad impatto zero. La compagnia dopo aver aver realizzato linee di lunga percorrenza elettriche al 100% mettendo in strada i primi Flix-E-Bus utilizzati in Francia ed in Germania, ha comunicato l’avvio di una collaborazione con la  Freudenberg Sealing Technologies per lanciare i primi autobus alimentati a idrogeno.

Flix-E-bus e Fuel cell due proposte green di FlixBus per una mobilità sempre più ecocompatibile

“FlixBus dispone già di una flotta estremamente green, e la scelta di viaggiare in autobus anziché con la propria auto consente di risparmiare circa l’80% delle emissioni di CO2. Ciononostante, continuiamo a lavorare per rendere il nostro servizio sempre più sostenibile. Abbiamo già introdotto con successo i primi autobus elettrici sulla lunga percorrenza: ora, attraverso la collaborazione con Freudenberg Sealing Technologies per lanciare i primi autobus a idrogeno, vogliamo contribuire a un ulteriore svolta nella storia della mobilità”, ha dichiarato André Schwämmlein, fondatore e amministratore delegato di FlixMobility.

FlixBus è infatti il solo operatore della mobilità che consente ai passeggeri di viaggiare a impatto zero, compensando le emissioni di CO2 della propria corsa attraverso una piccola donazione all’atto della prenotazione. Tale contributo viene devoluto ad Atmosfair, ONG impegnata nella realizzazione di progetti di protezione ambientale certificati a livello internazionale.

Sulla base del principio del sistema di scambio delle quote di emissione, dando un contributo volontario all’ambiente al momento della tua prenotazione, questo importo verrà investito in un progetto di protezione del clima certificato e compenserà una quantità equivalente di emissioni di CO2.

FlixBus gli autobus verdi sempre più green

I primi autobus ad idrogeno

Fuel cell electric, zero emissioni bus (celle a combustibile) avranno un’autonomia di 500 km e potenza e accelerazione in linea con gli standard attuali del trasporto in autobus a lunga distanza. E certamente saranno più silenziosi, quindi ancora più comodi per i passeggeri.
Gli autobus FlixBus garantiscono la massima efficienza ecologica in termini di carburante ed emissioni, gli autisti vengono formati a tenere uno stile di guida a basso impatto ambientale.

Al centro del progetto vi è il sistema di trazione ibrido che vede il modulo a celle combustibili abbinato ai pacchi batterie. Il primo passo consisterà nel mettere in strada una flotta da trenta veicoli. Le due aziende puntano anche a finanziamenti pubblici nell’ambito del “National Innovation Program Hydrogen and Fuel Cell Technology” (NIP) tedesco

Lo specialista di tecnologia Freudenberg Sealing Technologies aiuta da decenni le case automobilistiche e i costruttori di veicoli commerciali ad abbassare i consumi di carburante e le emissioni con soluzioni innovative. Allo stesso tempo, il gruppo Freudenberg ha iniziato a lavorare su progetti di propulsione alternativi già a metà degli anni ’90, sviluppando componenti tecnicamente sofisticati per celle a combustibile e batterie.

FlixBus gli autobus verdi sempre più green

Potenzialità enormi, non prive di difficoltà

L’idrogeno è un combustibile che ha enormi potenzialità, specie nei mezzi di trasporto pubblici, ma, come sappiamo, uno dei maggiori impedimenti alla sua diffusione risiede nella difficoltà di stoccaggio e quindi della successiva costruzione delle stazioni di rifornimento (in Italia è presente un solo distributore a Bolzano), che risultano particolarmente costose da realizzare (i costi oscillano tra 1 e 1,5 milioni).

Un’altra difficoltà è quella derivante dal processo di estrazione; attualmente l’idrogeno viene prodotto mediante l’utilizzo di petrolio o altri combustibili fossili e solo una piccola parte viene ricavato con l’elettrolisi dell’acqua.
Resta quindi da vedere come l’azienda risolverà questi problemi, anche dal punto di vista logistico.

Un po’ di storia della compagnia

Fondata da Daniel Krauss, André Schwämmlein e Jochen Engert a Monaco di Baviera nel 2011, FlixBus nasce dall’intuizione di tre ragazzi che scelgono di scommettere tutto su un’idea: una start-up tecnologica che ha l’obiettivo di offrire a chiunque una soluzione di mobilità green e innovativa per scoprire il mondo, operando in sinergia con aziende locali che lavorano da anni nell’autotrasporto. Proprio dall’ unione tra le nuove competenze digitali, tipiche delle start-up tecnologiche, e quelle tradizionali, che caratterizzano le imprese locali di trasporto in autobus, si fonda il modello di business collaborativo di FlixBus, che ha consentito di sviluppare una realtà aziendale che sa unire soluzioni veloci ed innovative a servizi vicini alle esigenze delle persone.

L’ arrivo in Italia, avvenuto nel luglio 2015 con l’inaugurazione della prima linea Milano-Venezia, l’azienda è entrata via via in un numero crescente di mercati, fino all’attuale offerta di 250.000 collegamenti verso 1.700 destinazioni, di cui 300 solo in Italia.

FlixBus gli autobus verdi sempre più green

Flixbus e le iniziative lanciate nell’ambito di manifestazioni o eventi di rilevanza globale

  •  La collaborazione con Treedom, piattaforma web specializzata nella piantumazione di alberi a distanza, lanciata in occasione della Giornata Mondiale della Terra, che ci ha permesso di offrire agevolazioni su viaggi a chiunque decidesse di piantare un albero.
  • In occasione della Settimana Europea della Mobilità, abbiamo avviato una partnership con URBI (app che combina tutte le soluzioni di mobilità urbana in 25 città), basata sull’erogazione di viaggi a prezzi scontati agli utenti di URBI, con cui abbiamo voluto contribuire a un cambiamento nella concezione del viaggio per favorire sempre più l’instaurarsi di una mobilità integrata dove la combinazione di più mezzi collettivi si sostituisca efficacemente a quelli privati, con benefici per l’ambiente e per la comunità

Venerdì 27 settembre FlixBus supporta il 3° Sciopero Globale per il Clima

Nell’ambito del 3° Sciopero Globale per il Clima, FlixBus, da sempre in prima linea nella promozione della responsabilità ambientale, supporta le manifestazione regalando un viaggio a quanti sceglieranno di raggiungere il luogo dell’evento a bordo dei suoi autobus verdi.

Sull’iniziativa si è espresso André Schwämmlein, amministratore delegato e fondatore di FlixBus: “Quando abbiamo lanciato FlixBus sei anni fa, tra i nostri obiettivi c’era anche quello di offrire ai nostri passeggeri un’alternativa ecocompatibile ai mezzi di trasporto tradizionali: una necessità che si pone in maniera sempre più stringente in un mondo dove troppe auto viaggiano mezze vuote, inquinando inutilmente. Con FlixBus abbiamo deciso di contribuire a una vera e propria rivoluzione green nei trasporti. Lo Sciopero Globale per il Clima, nato dall’iniziativa coraggiosa di Greta Thunberg, si pone in stretta continuità con questa missione, ed è nostro obiettivo consentire a tutti di prendervi parte per creare consapevolezza su temi la cui discussione non può più essere rimandata”.

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News


Lascia una risposta