sabato, Maggio 18, 2024

Rome 17°C

Matite piantabili SproutWorld, una scelta per il pianeta nella guerra alla plastica

Matite piantabili SproutWorld, una scelta per il pianeta nella guerra alla plastica
Matite piantabili SproutWorld, una scelta per il pianeta nella guerra alla plastica, foto per gentile concessione dell'Ufficio Stampa

Diciamo addio alle 135 milioni di tonnellate di penne in plastica utilizzate quotidianamente nel mondo e non riciclabili, sapendo che con un albero possiamo produrre 175 mila matite.

La Giornata Mondiale della Terra, celebrata ieri, ci deve far riflettere su quanto sia ancora necessario fare per la salvaguardia dell’ambiente, cominciando dalle abitudini quotidiane.

Pensiamo ad esempio a quando scriviamo. Scrivere a mano, utilizzando una penna o una matita, non passerà mai di moda, anche a fronte della digitalizzazione e all’uso di computer e smartphone. Ma la scelta tra penna e matita non è indifferente.

Le penne anche se sono in materiale plastico, non rientrano nella categoria degli imballaggi; quindi, vanno gettate nel secchio del secco/indifferenziato non riciclabile, perché la plastica di cui sono prodotte è entrata in contatto con i componenti chimici dell’inchiostro.

Quindi ognuno di noi ha la possibilità di scegliere sapendo cosa è meglio. Ma, è bene sapere in un’ottica di economia circolare, che c’è chi offre un’opportunità ancor più affascinante. Si tratta delle matite piantabili di SproutWorld, vera alternativa sostenibile a quelle 135 milioni di tonnellate di penne in plastica con cui si scrive ogni giorno nel mondo.

L’utilizzo delle matite piantabili è estremamente semplice. Quando la matita diventa troppo corta per scrivere o colorare, basta capovolgerla inserendola in un vaso con terra umida, aspettare alcune settimane ed ecco che la matita si trasforma in fiori, erbe aromatiche e piante di ben 10 varietà, dalla margherita al girasole, dal pomodoro al basilico, dal non ti scordar di me al garofano.

Proprio in occasione dell’Earth Day 2024, SproutWorld ha presentato un’edizione speciale delle matite piantabili dedicata al nostro pianeta: 12 matite in grafite, ognuna incisa con un pensiero che ispira la sostenibilità legato a ogni mese dell’anno, che ci ricorda che compiendo un semplice gesto ecologico ogni giorno, possiamo promuovere un cambiamento positivo nel mondo.

Da non dimenticare le tante novità lanciate come: la matita piantabile da trucco, per occhi e sopracciglia, la “kitchen” edition con un nuovo set di matite che ricrescono in spezie e frutti ideali per pietanze e ricette gourmet, e la versione che una volta piantata dà vita a un albero di abete, un omaggio o un regalo, praticamente eterno, visto che la vita media di un albero di questo tipo può raggiungere i 100 anni di età.

Come spiega Michael Stausholm, CEO di SproutWorld, l’impatto sulla natura è minimo: “Non usiamo molti alberi per fare le matite: un albero è sufficiente per 175.000 matite. Piantiamo un nuovo albero ogni volta che ne tagliamo uno. In questo modo, un albero può diventare 175.000 nuove piante quando dai nuova vita alle matite SproutWorld.

La matita viene da un albero, scrivi con esso, lo pianti e fai crescere un nuovo albero. Questa è la bellezza della natura. Quando si progetta un prodotto che non crea sprechi ma, al contrario, restituisce al pianeta, ci incoraggia a fare piccoli gesti nella nostra vita quotidiana. Se posso piantare un pezzo di matita, cos’altro posso fare per proteggere l’ambiente? Questo è il cuore della mia missione”.

La matita SproutWorld è brevettata e realizzata in legno sostenibile (certificato FSC o PEFC), grafite e argilla. È biodegradabile al 100% e non contiene piombo o altre tossine, mentre la capsula vegetale sulla matita, anch’essa biodegradabile e ricavata da canna da zucchero, contiene semi non OGM e di alta qualità.  

ALTRI ARTICOLI
nessun commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

i più letti

Newsletter

Gli articoli della settimana direttamente sulla tua email

Newsletter