Ogm, sviluppato nuovo metodo per identificare colture non autorizzate

Greenpeace ha sviluppato open source, un metodo di rilevamento in laboratorio di colture OGM – geneticamente modificate, ottenute tramite tecniche di editing genetico

0

“Nuove Ogm”,  si tratta di una nuova tecnica capace di individuare le colture geneticamente modificate non autorizzate.

A darne l’annuncio è Greenpeace che , insieme a un gruppo di associazioni impegnate sul tema degli Ogm e a un’azienda della Grande distribuzione organizzata (Gdo), comunica lo sviluppo del primo metodo open source che individua in laboratorio le colture che hanno subito una modificazione genetica.

Il processo di modificazione avviene tramite le nuove tecniche di editing genetico. L’individuazione di questo nuovo metodo, permette un cambio di passo nel campo del rilevamento degli Organismi geneticamente modificati (Ogm). Consentirà alle autorità, da ora in poi, di identificare le colture geneticamente modificate non autorizzate.

Ogm la ricerca :

La nuova ricerca rafforza il parere delle  industrie biotech e di alcuni enti regolatori secondo cui i nuovi prodotti geneticamente modificati (OGM) ottenuti tramite editing genetico sarebbero indistinguibili da colture simili non-OGM e per questo non possono essere regolamentate secondo la normativa in vigore sugli OGM.

Secondo Greenpeace, il nuovo studio è in grado di rilevare una colza Ogm resistente agli erbicidi che è stata sviluppata utilizzando l’editing genetico, consentendo così ai Paesi Ue di effettuare controlli più serrati così da fare in modo che tale coltura Ogm, non autorizzata secondo la normativa vigente in Ue, non entri illegalmente nelle filiere alimentari e mangimistiche europee

Il termine “editing genetico” (o “editing del genoma”) si riferisce a nuove tecniche di ingegneria genetica che consentono di ottenere nuove sequenze senza aggiungere materiale genetico estraneo.

La tecnica più importante è CRISPR-Cas.

L’editing genetico, oltre alle modifiche volute, può causare anche alterazioni genetiche non intenzionali che possono influire sulla sicurezza dei prodotti per le persone e l’ambiente. L’impatto a lungo termine sulla salute e sull’ambiente delle colture ottenute con l’editing genetico non è stato ancora testato.

Finora, solo due colture di questo tipo sono state commercializzate e sono coltivate in Nord America: la colza SU Cibus e la soia ad alto contenuto oleico Calyxt’s High Oleic Soybean.

I Paesi dell’Ue, ad oggi, non avevano la possibilità di rilevare la presenza di questa colza ogm coltivata in alcune parti degli Stati Uniti e del Canada, tra quella importata.

“Il nuovo metodo di rilevamento è una pietra miliare nella protezione dei consumatori e delle aziende dell’Ue. Le autorità potranno d’ora in poi identificare anche le colture geneticamente modificate non autorizzate. Questo aiuterà gli agricoltori, gli apicoltori, gli allevatori, le aziende di trasformazione di mangimi e di alimenti e i rivenditori a tenere questi nuovi OGM fuori dalle loro catene di approvvigionamento e soddisfare la domanda dei consumatori che chiedono alimenti privi di OGM “. – dichiara Heike Moldenhauer, consulente per le politiche dell’Ue presso l’associazione tedesca Food without Genetic Engineering (VLOG).

Lo studio è stato pubblicato sulla rivista scientifica Foods.

 

 

Fonte : Greenpeace

 

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News


Lascia una risposta