La rete invisibile della natura, il nuovo libro di Peter Wohlleben

Il mondo che ci circonda è come un grande orologio: tutti gli ingranaggi sono perfettamente collegati tra loro. Peter Wohlleben ci mostra le connessioni alla base del sistema complesso di cui siamo parte. Prepariamoci a farci sorprendere da un mondo straordinario

0

Il libro La rete invisibile della natura di Peter Wohlleben (2020, Garzanti, pp. 217, 17 euro) è pieno di inaspettate sorprese. Esistono alberi capaci di modificare la rotazione terrestre, lombrichi fondamentali per la sopravvivenza dei cinghiali e lupi in grado di deviare il corso dei fiumi. La natura è incredibile.

La rete invisibile della natura, il nuovo libro di Peter Wohlleben

Ma in che modo animali e piante, foreste e mari, montagne e cambiamenti climatici riescono a influenzarsi a vicenda? È possibile scoprirlo leggendo il libro Peter Wohlleben, nato nel 1964 a Bonn, in Germania. Dopo oltre venti anni di servizio come guardia forestale, attualmente gestisce un bosco di tremila acri nei pressi di Hummel, nella regione di Eifel al confine con il Belgio.

Nel film documentario “Intelligent Trees” Peter Wohlleben appare accanto a Suzanne Simard, professore di ecologia forestale presso l‘Università della British Columbia. È ospite di diverse trasmissioni televisive, tiene conferenze e seminari.

È autore di diversi libri sui temi del bosco e della protezione ambientale: La vita segreta degli alberi (Macro Edizioni, 2016), L’orologio della natura – Capire gli animali e le piante – Conoscere l’ambiente in cui viviamo (Macro Edizioni, 2017), La saggezza degli alberi ( Garzanti, 2017), La saggezza del bosco (Garzanti, 2018).

Leggendo La rete invisibile della natura scopriamo che facciamo parte di un sistema complesso di connessioni. Peter Wohlleben, grazie a decenni di esperienze come guardia forestale, ci rende consapevoli dei rischi che l’intervento irresponsabile dell’uomo ha sul fragile equilibrio del nostro prezioso Pianeta.

Ogni capitolo tratta un argomento che si unisce all’altro raccontandoci la complessità di un ecosistema. Curioso è il capitolo che parla del rapporto tra alberi e pesci dove la crescita degli alberi dipende in gran parte dagli agili ospiti di fiumi e torrenti. E  ancora: I lupi che proteggono gli alberi, i salmoni a spasso nei boschi, il sottosuolo e i suoi abitanti, le formiche dominatrici nell’ombra, i caprioli che non amano i boschi, i cinghiali e i virus. Un viaggio avventuroso, tra Salgari e Verne, alla scoperta della natura.

È ambientata in Giappone una storia unica: parla dell’eredità lasciata dagli alberi per l’ambiente marino. Katsuhiko Matsunaga, uno studioso di chimica marina dell’Università di Hokkaido, ha scoperto che gli acidi delle foglie cadute dagli alberi, trasportati da fiumi e ruscelli, si riversano in mare, dove stimolano la crescita del plancton, il primo e più importante elemento della catena alimentare. Ci sono dunque più pesci grazie alle foreste? Solo leggendo potrete scoprirlo.

E ancora capitoli molto interessanti dedicati alle favole e ai miti sulla natura, ai boschi e al loro clima, che ci aiutano a creare una connessione con il mondo immenso, magico e pieno di vita che è la natura. “Ogni creatura ha un significato e un compito nell’ecosistema”, scrive l’autore.

Il saggio regala un viaggio sensoriale, un’esperienza della natura completa, un’avventura iniziata con La vita segreta degli alberi (2016), un libro dove Peter Wohlleben racconta che gli alberi, non solo comunicano fra loro attraverso una rete di invisibile, ma come gli altri esseri viventi, sono dotati di memoria e provano emozioni.

Il neurobiologo vegetale Stefano Mancuso ci ricorda che le piante rappresentano l’85% della vita sulla Terra, mentre gli animali solo un misero 0,3%. Un universo sorprendente e misterioso, che in questo periodo, dove l’uomo orologiaio è stato costretto a mettersi da parte, è tornato protagonista riprendendosi i suoi spazi. Curioso e divulgativo, da leggere per scoprire un mondo straordinario, perchè la natura è straordinaria!

Leggi anche

Caro Lettore,

Green Planet News è un quotidiano indipendente, "aperto" e accessibile a tutti. Ogni giorno realizziamo tanti articoli con foto di qualità perché crediamo nel giornalismo come missione e nell'informazione come servizio ai lettori. La nostra è una voce libera, ma la scelta di non avere un editore forte cui dare conto comporta che i nostri proventi siano solo quelli della pubblicità, oggi in gravissima crisi. Siamo un gruppo di giornalisti professionisti che hanno attraversato e vissuto sulla propria pelle le difficoltà dell'editoria e che per questo hanno scelto di mettersi in proprio. Per questo motivo ti chiediamo di supportarci, con una piccola donazione a partire da 1 euro. Il tuo gesto ci permetterà di continuare a fare il nostro lavoro con la professionalità che ci ha sempre contraddistinto e con la tua donazione, inoltre, potremo prevedere tante nuove iniziative, nuove sezioni del giornale, contributi, collaborazioni inedite e offrirti una informazione sempre più attenta e curata. Stiamo lavorando anche ad un importante progetto sociale dedicato ai territori difficili delle nostre città che il tuo aiuto potrà contribuire a realizzarsi in maniera totale. Grazie.


Sostieni Green Planet News


Lascia una risposta